TORNITURA DI GUIDO

il sito per imparare a tornire e migliorare con trucchi e suggerimenti forniti da Guido Masoero

Vasetto con corteccia

Vasetto con corteccia

Cercate un ramo di tiglio da 8-12 cm di diametro.
Il più rotondo possibile e non molto stagionato.
Il tiglio si presta bene per questo lavoro, per la corteccia sottile e uniforme.
Tagliate degli spezzoni un centimetro più lunghi del diametro.

Per fissarlo sul tornio io conosco 3 sistemi.
Piattello piccolo, piattello grande, coda di porco.
1 ) Per il piattello piccolo circa 75 mm di diametro, io faccio uno scasso
circa tondo su un lato, in modo di asportare completamente la corteccia,
o con la motosega o con una punta Fostner sul trapano.

2 ) Piattello grande circa 150 mm di diametro.
Si spiana un lato del ramo in modo che appoggi in piano sul piattello e lo fissate con 4 viti.
Si può fare il piano con una pialla, o con i mezzi che avete.
      

3 ) Coda di porco, Fate un buco di 8/10 mm al centro del ramo e montate la
vite sul  mandrino e avvitate il ramo per traverso,
deve appoggiare in piano. Metodo adatto a bocca piccola.
 

Si deve mettere la massima cura nel forarlo e montarlo perfettamente centrato.
Altrimenti lo spessore della corteccia sarà diverso sui due lati.

Piattello piccolo
Sgrossate l’ esterno e fate una presa per mandrino sul fondo, dopo averlo spianato.

Montate sul mandrino e scavate l’interno, poi rifinite l’esterno a spessore costante, lasciando una parte di corteccia.
 

Il legno non stagionato non viene molto lucido e crepa facilmente,
si può cercare di rimediare con una o più mani di spray acrilico lucido e trasparente.

 

Piattello grande
La parte spianata e appoggiata sul piattello, questa volta diventa il fondo del vaso.

Spianate leggermente l’altro lato e fate un attacco mandrino in espansione,
del diametro minimo per il vostro mandrino.
Provate sempre a montare il mandrino prima di smontare dal piattello.

 

Se la presa mandrino vi soddisfa, svitate il piattello e montate il mandrino.

Potete sgrossare con una sgorbia tallonando così.
Verrà una superficie più liscia che con una sgorbia da sgrosso. E più difficile piantare.
Fate un anello di appoggio nella parte sotto, in modo da poter girare il legno.


Il diametro interno serve come presa mandrino, l’ esterno per eliminare i fori di fissaggio piattello.
L’ anello, deve essere spesso almeno un cm per garantire la tenuta, più sottile si può rompere.

Girato il legno, potete scavare l’ interno e poi rifinire l’ esterno a spessore costante.
Se il legno è molto fresco, potete cercare di seccarlo con un forno a microonde.
Pesate il pezzo e prendete nota, mettete nel forno per 30 sec. su un foglio di carta tipo scottex.
Lasciate raffreddare e pesate, poi rimettete nel forno, ripetete più volte.

Quando il peso non cambia più, il legno è secco e non dovrebbe più creparsi.

Con coda di porco.

La coda di porco è una grossa vite che viene fornita come accessorio al mandrino.

Se volete un foro di fissaggio centrale è l ‘ unico sistema.
Fate un foro di diametro adeguato alla vostra vite esattamente al centro del legno.
Avvitate la coda di porco un po’ nel legno e fissate la vite nel  mandrino.
Stringete molto forte che il legno appoggi bene sul mandrino.

Provate a mettere in moto il tornio, se il foro è ben centrato non dovrebbe vibrare.
Tornite l’ esterno che diventi cilindrico, e fate una presa mandrino piccola.

Aprite il mandrino , girate il pezzo, e con una chiane svitate la coda di porco.

Adesso potete scavare l’ interno.

Finito lo scavo, rifinite l’ esterno che normalmente si deforma un po’.
Per passare la carta vetrata su pezzi non rotondi, tagliate una strisci lunga 30 cm.

Ripiegatela che sia larga solo 2-3  cm e tenendola per le estremità con le due mani la avvicinate al legno, se volete anche passarla nella parte scavata consiglio la spazzola abrasiva  sul trapano,
o la tela smeriglio arrotolata su un bastone, ma  tenete le dita lontane dai pezzi eccentrici.

Ecco i 3 pezzi finiti, con sagome diverse.

Porta matite

Dal pezzi precedenti era avanzato un pezzo di tiglio diametro 10 cm lungo 11 cm.
Facciano un portamatite con corteccia,
Dovete avere un mandino tipo CS2/3000 Bricosergio ,  Holzmann DB95. o simile.
Questi mandrini con le griffe grandi sono in grado di prendere in compressione sino a 11-12 cm.
Potete montare direttamente il ramo nel mandrino e sfacciare un lato.

Si può fare facilmente con una sgorbia da scavo o da profilare partendo dal’ esterno e
con uno o più passate farlo perfettamente piano. Consiglio di farlo leggermente concavo.
Sul bordo esterno asportate la corteccia, per un cm in modo di avere un cilindro per il mandrino.
Se il mandrino è al diametro minimo di apertura non lascia praticamente il segno.

 

Montate sul mandrino e con un bedano, o lo strumento che siete capaci di usare meglio,
fate uno scavo perfettamente cilindrico da 6 a 8 cm di diametro,
lo spessore delle pareti deve essere circa un cm più la corteccia.
La profondità deve essere almeno 8 cm, Il fondo spesso circa 2 cm

La carta vetrata non si può passare sulla corteccia, solo nel foro, usate
lo spray acrilico che protegge la corteccia e la rende lucida, 3-4 mani a 5 minuti di distanza.

 

2 risposte a “Vasetto con corteccia

  1. sergio 22 gennaio 2014 alle 08:29

    Sei un grande sempre anche nelle spiegazioni

  2. Gianluigi 21 gennaio 2014 alle 22:18

    Complimenti!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: