TORNITURA DI GUIDO

il sito per imparare a tornire e migliorare con trucchi e suggerimenti forniti da Guido Masoero

Penne

Tornire penne in legno.

arcobaleno3

Penna fatta con piallacci colorati

Novità   Penne a donnina  EggoscopePenne laminate,  penne sportive e arcobaleno

Nuovo articolo su penne a donnina    

1363 BubingaFlora4

Uno dei più comuni lavori al tornio è fare penne in legno.

Si comprano gli appositi kit e si fanno moltissimi tipi di penne, con poca attrezzatura.

<!–more–>
Le penne si possono vendere facilmente anche nei mercatini, per recuperare le spese.
Nel mondo sono prodotte circa un milione al mese di penne in legno con questi kit.
Per fare le vostre penne dovete avere un tornio e pochi utensili.
Il tornio è bene che sia piccolo e che giri veloce, un tornio grande va bene lo stesso, ma è sprecato.
Se avete solo un tornio da ferro si possono fare lo stesso, chiedete come fare.
Per prima cosa dovete comprare dei kit per penne, (Pens Kit) nella sezioni link trovate molti posti.
Poi cercate dei quadrelli di legno da 2x2x15 cm, va bene qualsiasi legno purché duro e che non scagli facilmente.

Materiale necessario

Nella foto seguente vedete tutto quello che serve per fare le penne.

In alto tela abrasiva grana 150-1000 grit, colla poliuretanica e cianoacrilica.

Mandrino per contro punta, punte di vari diametri, frese per rasare di vari diametri, Boccole, pezzi di legno, bustina con il kit, mandrino penne, refils di ricambio.

I mandrini per penne sono del tipo con cono CM1 e CM2, su quasi tutti i torni va bene il CM2.
Si trovano di tipo con lunghezza fissa o regolabile, meglio se lo prendete regolabile.
Quando ordinate un kit di penne di nuovo modello , cercate di comprare insieme anche le boccole, la punta per forare, la fresa per rasare il legno, o almeno lo stelo.

Tutti i kit per fare penne in legno sono sempre con uno o 2 tubetti d’ottone.

Ogni modello di penne richiede un foro del diametro del tubetto, spesso con misure a pollici.

Il foro nel legno deve essere di diametro appena superiore al tubetto in ottone, per incollarlo.
Lo stelo della fresa deve essere uguale al diametro interno del tubetto per rasare legno e colla.
Le boccole devono essere adatte al diametro del tubetto per tenerlo fermo e centrato sul tornio.

Esempio di un kit nei suoi componenti   di Axminster

Il legno per penne.

I quadrelli per penne che trovate in giro sono in genere da 2x2x15 cm, e vanno tagliati uno o due millimetri più lunghi del relativo tubetto in ottone, in genere con molto spreco.

Poi saranno forati e il tubetto sarà incollato dentro il foro.
Il legno che si usa è in genere legno bello e pregiato, perché le quantità in gioco sono piccole e se anche si usa legno molto caro la cifra è comunque di pochi euro.
Se fate tante penne e volete risparmiare sul legno, conviene comprare la tavole e tagliarle a misura.

In alternativa conviene trovare delle stecche lunghe e tagliare il pezzetto della lunghezza che serve

quadrelli da tagliare.


Quadrelli tagliati

Pezzetti di legno tagliati 2 mm in più del relativo tubetto, notare la sigla della penna su ognuno.

La sigla serve a montare i quadrelli sul mandrino, in modo che la vena sia continua.

Il legno che serve è lungo come i tubetti di ottone più il taglio e la rasatura.
La penna con il legno più lungo è l’ europea, il legno in totale va 113 mm.

La penna sierra è lunga 56 mm di tubetto. 56+3 taglio +2 rasatura =61 mm
Tenendo conto del taglio e di un paio di mm di abbondanza sui lati
con una stecca da 54 cm vengono
54/4=13,5 cm per 4 europee, slimline,
54/5=10,8 cm  5 gentlemen, sedona
54/6=9 cm 6 Cigar
54/7=7,7 cm   7 Polaris
54/8=6,7 cm  8 sierra da 56 mm
e tutte le varie combinazioni.

Stecche di legno pregiato lunghe 54 cm, sufficienti per fare da 4 a 6-8 penne ognuna.

Provate a chiedere se ne ho ancora, lesto cedendo tutte in bloccoDove potete trovare il legno pregiato per fare le penne o chiedete cosa ho disponibile.

penne7r.JPG

Potete anche chiedere per email altri posti meno costosi che sto cercando.  I kit per penne più comuni ed economici sono le Twist o slimline, poi le europee e le streamline.
costano da 2,5 a 3 € ognuno, adesso vedrete come faccio io a fare un po’ di penne,
quando arrivano i kit si fa la seguente tabella.costopenne

Nella tabella vedete il tipo di penna, le misure del tubetti, la quantità, il costo del legno e dei  kit in £ aggiornato a fine 2012.

Dopo aver misurato tutti i tubetti e tagliato il legno di lunghezza giusta, si procede nella foratura.
Per fare tutti i modelli in elenco, servono 8 diametri diversi di punte,
Il diametro della punta deve essere 1 0 2 decimi più del tubetto,
quelli che mancano si devono trovare e comprare.
Dopo un po’ di tempo e tanti tipi di penne avrete tutti i diametri che servono, non sono tanti.

Ulteriori istruzioni in inglese le trovate qui in formato PDF.     Il sito Pennstateind in USA fornisce gratis un programma per vedere come sarà la penna finita.

Negozi di KIT PENNE dove potete comprare gli inserti metallici cromati o dorati.

  • TIMBERBITS – AUSTRALIA Ottimo fornitore con bei modelli
  • WOODTURNINGZ – STATI UNITI Costano cari spese e trasporto.
  • PENNSTATEIND – STATI UNITI Costano cari spese e trasporto.
  • Cercate un modello semplice es. Europea e confrontate i prezzi tra i vari fornitori
  • Fornitori quadrelli di legno pregiato per penne
  1. Legnipregiati.com      Italia Nuovo
  2.  Designholz                   Germania
  3.  elforyn                           Germania
  4.  theturnersworkshop Inghilterra
  5. exotichardwood          Inghilterra
  6. rothkoandfrost            Inghilterra
  7.  woodcraft                      USA  
  8.  woodturningz               USA
  9.  cookwoods                   USA

Se volete dei quadrelli di legno da 2 x 2 x 15 cm per fare penne, ne ho molti di tutti i legni, mandate una mail e vi dirò cosa ho di pronto al momento.

Foratura del legno

Potete usare il tornio o il trapano a colonna se lo avete.

Vi fate un paio di pezzi di legno con un taglio a V per prendere il quadrello in diagonale.
Se non avete un trapano a colonna anche il tornio va benissimo.
Montate il mandrino con le griffe lunghe e un mandrino da trapano sulla contro punta.

Girate il volantino posteriore,   la punta avanza e fora il legno, andate a velocità bassa circa a 400 giri al minuto per non scaldare troppo il legno.

Se la punta è piccola e il legno non molto duro, dopo i primi millimetri, si può mollare la contro punta, e spingere tutto il blocco contro punta da dietro, ma  ogni 2 cm estraete la punta per scaricare i trucioli.

Fate molta attenzione a non far scaldare il legno durante la foratura, se scalda troppo vi troverete qualche  crepa durante la finitura causa del calore. nel caso di dubbi, usate aria compressa soffiata nel foro

Io preferisco forare con il tornio, che è più comodo e veloce.

Incollatura e Rasatura

Quando tutti i quadrelli di legno sono stati forati, si inserisce il tubetto con un po’ di colla.

Il tubetto deve entrare facilmente con poco gioco se avete fatto il foro giusto.

Il tubetto di ottone è lucido, per migliorare la tenuta della colla dategli una passata con tela abrasiva a grana grossa.

La colla da usare può essere poliuretanica se non avete fretta e se fate tante penne, o Attak più rapida e costosa.
Mettete una goccia di colla nel foro e una sul tubetto, poi lo spingete dentro facendolo ruotare.
Fate in modo che il tubetto che è più corto del legno resti centrato.
quando tutti i tubetti sono ben incollati si procede con la rasatura del legno a filo con il tubetto, Le frese rasatrici è bene comprarle insieme ai kit e con il gambo di diametro adatto al tubetto.
L’ asta deve passare giusta dentro al tubetto per pulire residui di colla, la fresa taglia il legno in eccesso per andare a raso del tubetto.

Rasatura con trapano a colonna e  pezzi rasati

Rasatura sul tornio per chi non ha il trapano.

Quando vedete l’ottone siete arrivati e fermate.
Lasciare sempre la morsa o il mandrino un po’ aperto in modo che il legno possa muoversi per centrarsi senza girare.

Rasatore per penne  kit con punte da 7mm, 10mm, 25/64″ e 27/64″ di Legnipregiati.com

index

Kit  rasatore di Axminster  circa 40€

700265_xl

Frese per rasatura piccole e medie           di fun-e-turnz prezzo circa 30€

in questi kit ci sono 4 misure Frese per rasatura piccole e medie
Interno tubetto 6.18mm esterno tubetto e diametro foro 7mm
Interno tubetto 7.2mm esterno tubetto e diametro foro 8mm
Interno tubetto 8.64mm esterno tubetto e diametro foro 3/8″ /9,5mm
Interno tubetto 9.15mm esterno tubetto e diametro foro 10mm
comprende la fresa da 19 mm e la chiave a brugola.
Le frese di questi kit sono di vari diametri per essere adatte ai vari diametri dei tubetti.

Quando cambiate tipo di penna controllare che lo stelo della fresa entri giusto nel tubetto.

Se non trovate da comprare l’asta per rasare di grossi diametri potete usare  dei tubetti inseriti nel asta, che non puliranno l’interno del tubetto da eventuale colla, ma servono a centrare la fresa.

esempio, questi sono quelli in vendita da Axminster  codice 210140

210140_xl

Boccole per montare il legno sul mandrino.

Quando comprate i kit è bene prendere insieme anche la serie di boccole relativa.

Per fare penne tipo  slimline bastano la boccole che arrivano insieme al mandrino.

Le boccole sono dei semplici tubetti in acciaio. Il foro interno è sempre da 6,35 mm (1/4 di pollice)

l’ esterno varia secondo il modello di penna, deve essere uguale al legno a fine tornitura.

In qualche modello sono solo 2 esempio le Sierra e polaris, e in altri sono 4 pezzi

Il diametro piccolo entra giusto nel tubetto
il diametro grande è quello che deve avere il legno a fine tornitura.
Con il mandrino CM2 viene fornito un set di boccole per le slimline.

Per penne con il tubetto più grande servono le relative boccole con diametro grande,

951820_xl (1)951810_xl (1) Esempio di penna Empress di Axminster con le relative boccole

Questo tipo di penna può cambiare rapidamente a penna finita da roller a stilografica

Se vi siete dimenticati o sbagliati di tipo di boccole, potete farvele provvisorie con della plastica.
La plastica ottimale per farsi le boccole è il Corian della DuPont spesso 12mm.
Tagliate con la sega dei pezzetti di plastica dura spessi 12 mm , li forate al centro da 6,3 mm.
Li infilate sul mandrino da penne separati dalle boccole che avete, e li tornite conici o cilindrici con i 2 diametri.

Non sono il massimo, ma sempre meglio di niente, dureranno poco e la volta dopo li comprate giusti.

Io uso il sistema delle boccole coniche in plastica quando faccio solo uno o 2 penne di quel tipo.Prima di tornire io consiglio di controllare che ci sia tutto quello che serve e sia tutto giusto.

Cerco qualche foto del tipo di penna che sto cercando di fare, se non ho mai fatto quel modello.

Serve a capire come verrà montata e che aspetto avrà. Vedere anche il sito Pennstateind in inglese.

Gentlemen Modello Cigar Modello Cigar Modello Sierra elegant

Americana di Axminster

Poi provate a mettere vicino i pezzi per vedere come va montata.

Esempio di prova prima della tornitura con piano di montaggio e foto di esempi.

Se ho dei dubbi sia su come si monta o sul legno con eventuali crepe o difetti.
Metto il tubetto nel legno senza incollarlo, lo monto sul mandrino del tornio e faccio la sgrossatura, lasciando un po’ di legno in più.
provo ad assemblare senza forzare che si riesca a smontare facilmente, se tutto mi piace incollo il tubetto e finisco.
Se non ci sono dubbi e tutto sembra giusto si comincia a tornire i quadrelli a misura, con un decimo di mm di spessore in più.

Il diametro del legno tornito alle estremità dove si affianca alla parte dorata o cromata, dovrebbe essere identico.
Se i 2 diametri sono diversi si sente un saltello che da fastidio nel’uso della penna e sarà criticato.
La parte interna del legno può avere la forma che vi piace, a cilindro, a botte dipende dai gusti vostri e dei vostri clienti.

Il mandrino per penne

I mandrini per penne sono di 2 tipi, con asta fissa e con asta regolabile in lunghezza, e con cono CM1 o CM2. Con i torni normali si usa SEMPRE il CM2

Il mandrino è composto da un cono morse che si innesta nella testa motrice e un asta da 6,2 mm con filetto e foro al estremo.  Nel tipo regolabile in lunghezza, l’ asta da 6,2 mm si può allungare o accorciare secondo necessità allentando con chiave da 22 mm inserita nella parte piatta dei 2 cilindri sporgenti vicino al cono morse.
I modelli con lunghezza regolabile costano poco di più e permettono di fare tutti i modelli di penne.

Questo è il modello regolabile venduto da Claude La truciolara Verona a 28,6 €.
Sino a qualche anno fa era praticamente l’ unico fornitore di kit e accessori per penne in Italia.

340198_l

Questi sono quelli fissi forniti da Axminster code  340199 prezzo  €26.30 inclusa IVA

Questi sono quelli venduti da Legnipregiati.com di Torino a 20-25€

29875R

29873F

                                                                     

Nuovo mandrino di Axminster fatto in acciaio inox 57€

Ax506444_xl

 Tornitura

Montate il mandrino sul tornio, infilate le boccole distanziali, tra i pezzi di legno, mettete un distanziale in più

in fondo e serrate bene la rondella zigrinata in ottone, avvicinate la contropunta e serrate poco, senza forzare.

L’ asta del mandrino è di soli sei mm se chiusa troppo si può piegare e non gira più centrata.

Con una sgorbia da sgrossare, piccola se la avete, cilindrate i quadrelli, portando il diametro.

del cilindro qualche mm oltre il diametro delle boccole, poi con una sgorbia ben affilata, o con uno scalpello ovale portate il diametro delle estremità a misura, è bene cercare di avere un decimo di mm d’errore massimo.

Se non avete o non sapete usale lo scalpello ovale, usate una qualsiasi sgorbia purché ben affilata.

Con solo la sgorbia che si vede in foto, l’anno scorso ho fatto un centinaio di penne europee.

Quando le misure sono esatte con 1-2 decimi in più, si carteggia.

Potrebbe capitarvi anche qualche incidente, tipo questo, tubetto mal incollato, legno con crepe, piantatina leggera, etc.

Il legno sul tubetto alla fine è spesso solo un millimetro o due, si rompe facilmente.

Non è grave il tubetto si recupera, si pulisce dalla colla e si mette in un pezzo nuovo di legno, e via da capo.

Carteggiatura e finitura

Legno serpente o snakewood del Suriname

Se la tornitura è fatta bene con ferri ben affilati, (parte a sinistra) si può cominciare con grana 320, se è come la parte a destra è meglio cominciare con grana 150, poi 240, 320, 400, 600, 800, 1000 grit.

La tela smeriglio, si trova sino a grana 600, oltre usate carta abrasiva di colore chiaro al’ossido di alluminio. Quella scura macchia il legno.

Ogni volta che cambiate grana, passate uno straccetto sul legno, per eliminare i residui della tela precedente.
Quando vi sembra abbastanza liscio e lucido, fermate il tornio e passate un dito per sentire al tatto con non ci siano punti brutti.
Ricontrollate le misure sulle estremità, siete ancora in tempo per eventuali riprese.

Se il legno usato non è adatto per fare penne , non vi viene bello lucido, i legni adatti sono i vari palissandri, legno serpente, guaiaco, bubinga, ulivo.

Le finiture da applicare sulle penne sono moltissime, l’importante che siano resistenti al sudore e al maneggio nel tempo.

potete usare l’attak, la shellavax, cera carnauba, woodoc, vetrificante per palchetti e tante altre a vostra scelta.

Pezzi in palissandro viola finiti con 5 mani di colla cianoacrilica (attak) e una mano di carnauba.

Applicare alcune gocce di colla sul legno, spargerle con un pezzo di scottex e mettere in moto il tornio.

Con lo stesso scottex lisciare la colla che si sparga in modo uniforme, ripetere più volte.

Particolari finiti con 4 mani d’EEE-ultrashine e 3 di shellawax.

Si applica a tornio fermo una goccia di prodotto, si sparge per bene, poi si mette in moto e si strira per bene, ripetere più volte.

La pomice finissima contenuta nella EEE-ultrashine penetra nei pori del legno e li chiude e l’effetto abrasivo della pomice lucida il legno.

Si applica nello stesso modo un goccia di shellawax cream e si ripete 3-5 volte sino al lucidatura a specchio.

Sto facendo prove con prodotti diversi dal solito, i risultati sulla durata della finitura si vedranno fra qualche mese.

Ero andato in un grosso colorificio per prendere un prodotto vetrificante per palchetti, se la gente ci cammina sopra deve essere una cosa molto dura e robusta, con buona resistenza al acqua.

Purtrppo avevano solo confezioni grandi e dal costo esagerato, per provare a fare una penna ho rinunciato.
Ho scoperto che avevano in confezioni da un litro un prodotto per terrazzi da esterno, che deve resistere anche alla pioggie e alla neve.
Ho preso una confezione e a parte la puzza sembra che vada bene, asciuga abbastanza in fretta e si possono dare più mani.
prova di applicazione su penna streamline in padauk, con pori aperti.

Per ora ho fatto 4-5 penne per provare il prodotto, sembra buono.

Ho anche fatto qualche penna finita con woodoc. Per altre spiegazioni  vedi finiture nella sezione relativa.

Qualche amico usa prodotti che impiegano tempo ad asciugare e indurire, ripetendo l’operazione più volte ogni 3 giorni.

Montaggio e assemblaggio del Kit

Prima di montare la penna è bene avere le idee chiare di come vanno messi i componenti.

eventuali errori spesso portano alla rovina del Kit, e molto difficile smontare senza attrezzatura apposita.

Sierra elegance in legno serpente, presentata prima e dopo il montaggio, è la penna più facile e rapida da fare.

           Penna modello gentlemen, controllo prima del montaggio finale.

Penna modello cigar da montare

La stessa dopo il montaggio.

Il montaggio consiste nel’ inserire nei tubetti i terminali dorati che entrano forzati.

Per fare quest’operazione si può usare una morsa apposita, il tornio spingendo con la contro punta, un trapano a colonna, e molti altri sistemi che consentano una spinta graduale e controllata, il martello non va bene.

Negli esempi seguenti ho usato il trapano a colonna da banco Fervi 012.

Nel mandrino ho inserito un cilindretto di legno duro con una punta conica.

Nella morsa sotto è fissato un pezzo di legno più morbido con un foro conico, serve per tenere diritta la punta.

Con il trapano spingere gentilmente fino a fondo corsa, in modo che non ci siano fessure, tra il legno e la punta della penna.   Se il diametro della tornitura è giusto non dovreste sentire nessun salto sulla giuntura.

Poi nel retro della parte anteriore inserite il tubetto cromato con la parte in ottone verso la punta della penna.

Tubetto porta refils

Spingetelo dentro al tubetto sino a che l’ ottone entri tutto.

Se lo spingete troppo a fondo il refils uscirà troppo dalla punta della penna.

dovete metterlo in modo che la punta scrivente esca di 2-3 mm e che girando la parte cromata rientri completamente dentro

Fate attenzione che se durante la rasatura non avete usato la punta del rasatore di diametro esatto con l’interno del tubetto, possono essere rimasti residui di colla che escono e possono inserirsi tra il tubetto e i terminali, impedendo di andare a contatto, con brutta estetica.

A montaggio ultimato, inserite il refils e provate che esca a sufficienza per scrivere. la parte posteriore della penna si innesta sul tubetto e ruotando spinge dentro e fuori la punta scrivente.

Se tutto vi pare a posto potete mettere in un posto chiaro e luminoso per fare le foto.

Queste sono le prime 12 penne fatte quest’anno.

Esempio di penna europea in varie fasi.

Nella penna europea dovete fare un piccolo ribassamento per inserire l’ anello del cappuccio

La misure giusta è lungo 3,5 mm con diametro 10,3 mm, se è esatto si incastra senza colla.

Esempio di penne twist o slimline dopo la tornitura e finitura, prima e dopo il montaggio.

si possono fare penne con decentratura  della punta del mandrino

esempio di Penne a donnina fatte in disassato

1130 noce4r

1130 noce6r

Lolita11RR

Lolita1eRr

Lolita2Rer

1145 snake-Polaris5b

Modello polaris in legno serpente

Per portarle  a vedere potete usare un contenitore simile al 700274 di AX che costa € 14,5 (fine 2013)

Black velvet per 18 penne  da Axmister code 700254 a 6,43€

700254_xl

Consigli pratici e trucchetti per semplificare il lavoro.

Le penne sono oggetti che si possono vendere bene, anche nei mercatini.

Ne potete dare una ad un amico, che la porta e la fa vedere al lavoro.

Prende gli ordini , consegna, incassa, e voi gli lasciate una percentuale.

Tubetti. Se fate molte penne dello stesso tipo, comprate i tubetti di ottone in più.

Potete preparare il legno con il tubetto incollato, tornirli e rifinirli.

Quando vi arriva una richiesta, fate l’ordine dei kit e dovete solo montarli.

I tubetti costano pochissimo e non impegnate un capitale in Kit.

Cercate di usare sempre legni pregiati e rari, in una penna ne basta poco.

Se per ogni penna allegate un foglietto come questo potete aumentare il prezzo da 10€.

 Potete provare presso qualche gioielleria locale se sono interessati a rivenderle.

Esempio di un gruppo di penne finite

Con la stessa attrezzatura delle penne si possono fare anche gli anelli portachiavi keyring

Alcuni modelli si aprono per nascondere qualcosa di piccolo.

I kit sono venduti negli stessi posti dove vendono i kit per le penne.


Eggoscope

Con la stessa attrezzatura delle penne si possono fare anche gli Eggoscope

Sono dei caleidoscopi a forma di uovo in vendita sul sito di Axminster code 502544

Caleido6

Caleido3

Caleido5Caleido4

Il kit è composto da questi elementi pronti per il montaggio

Le boccole potete comprarle insieme o farle in corian o simili.

502544_xl

Alcuni appassionati di penne fanno anche lavorazioni particolari.

Per ottenere questi effetti usano un apposito apparecchio americano.

In italia lo trovate da Trifiletti a Torino come Pen Wizard della Beall Tool

Ci sono moltissime possibili varianti ai disegni ottenuti.

Penne disegnate

Questo non  è un idea mia, ma vista su Woodturnig di luglio 2011 pag. 41-44.

Vi comprate un barattolo di Araldite o altra resina simile e trasparente.

Sono resine a 2 componenti che induriscono e poi sono lavorabili al tornio.

Le trovate da Sinopia come cristal e da Colore Amico come epossidica trasparente.

Vi fate o procurate dei tappi che entrino nei tubetti delle penne.

Se non li trovate li fate sul tornio conici con legno tenero di scarto.

esempio pioppo o tiglio o plastica in modo che l’interno del tubetto resti vuoto

Poi a resina indurita si taglia a filo del tubetto e si pulisce l’interno col rasatore

Sul tubetto d’ottone fate la vostra firma, scrivete il nome della cliente, incollate una striscia di carta con la foto, il vostro logo e il vostro nome etc.

Quello che volete far vedere a penna finita.

Mettete in una vaschetta di plastica i tubetti, che resteranno sollevati dai tappi conici.

Versate la resina dopo averla mescolata molto bene, spessa 2 cm e aspettate il giorno dopo.

Con una sega tagliate, la resina vicino al fondo tubetto e togliete i tappi.

Rifilate la resina che sia delle solite dimensioni 2×2 cm e mettetela sul mandrino per penne.

Tornite la vostra penna e lucidatela bene che sia trasparente.

Potete usare tela smeriglio sino a 600 grit, oltre carta seppia sino a 1500 grit, oltre polish per carrozzeria.

Esempio di penne in resina trasparente.

Prime penne di Luigi Oliviero di Benevento

Luigi Oliviero

prime penne fatte da Luigi Oliviero

SAMSUNG

Penna fatta con i ritagli delle precedenti

Video di David Barrett

Film su fabbricazione penne al tornio.

Video dei nonni Tony e Livio: Nasce una penna  1° parte – Nasce una penna  2° parte

Annunci

51 risposte a “Penne

  1. Vito MOREA 1 novembre 2017 alle 22:40

    Buonasera Sig. Guido… 🙂 dopo aver imparato a tornire attraverso i suoi video, adesso mi sto cimentando con le penne… e, così mi dicono, con molti apprezzamenti.
    Molti mi chiedono se si possono incidere/personalizzare e pensavo di acquistare una piccola CNC con testa laser… ricordo che Lei aveva provato qualche modello di laser ma per incidere taglieri e cose simili… ha mai provato con le penne? se si, che modello Mi consiglia di acquistare?

    Grazie in anticipo per la Sua gentile e competente risposta.

    • tornituradiguido 2 novembre 2017 alle 05:32

      Nell’articolo lasergrafia, e spiegato
      quali modelli ho provato e usato proprio per fare le scritte sulle penne.
      scritta su penna
      ci sono 3 formati disponibili, prenda quello medio formato A5 da 15×20 cm.

      • Leonardo 26 dicembre 2017 alle 19:21

        ciao guido, ti dico subito che pur essendo un grandissimo appassionato di penne a legno, sono comunque alle prime armi, molto carente di esperienze. nel vedere i tuoi lavori sono rimasto veramente incantato, di una bellezza indescrivibile, veramente professionale, compimenti davvero. come ti accennavo, poichè spinto da questa passione, vorrei anc’io provare a costruirne alcune. mi chiedevo se potresti essere così gentile, da suggerirmi acuni venditori, che mi possono mandare un kit completo per costruire una penna più facile da realizzare, visto che sono carente di esperienza. esempio quale tipo di penna, Europea, slimline twist, polaris, sierra ecc. Poi che nel kit ci siano tutti gli utensili necessari che occorrono per quel tipèo di penna, ese. mandrino, fresa colla boccole componenti per montaggio ecc. scusami per questo lungo messaggio, se puoi mi mandi una risposta quando prima, grazie anicipatamento.

      • tornituradiguido 26 dicembre 2017 alle 19:30

        le prime penne da fare sono le slimline, perché le boccole sono quelle date con il mandrino da penne.
        Per tutti gli altri tipo devi comprare le boccole relative con i Kit. esempio europea.
        in seguito si fanno le Polaris e le sierra che hanno un solo tubetto, ma foro e boccole diverse.
        Per fare le slimline dovrei avere tutto io, qui a Casa a Torino e puoi venire a vedere.
        Un rasatore con 4 aste serve per quasi tutti i tipi.

      • leonardo 28 dicembre 2017 alle 18:01

        ciao guido, grazie moltissimo per la tempestiva risposta, nel frattempo un mio amico che è nell’arma dei carabinieri a Udine, conoscendo i miei desideri, si è recato in una ferramenta a MANZANO di UDINE, AFFILAUTENSILI MANZANESE, dove mi a preso più o meno il necessario, ora appena mi arrivano proverò a costruirne una. Mi manderanno; 1 mandrino autocentrante con boccole, uno svasatore, una contropunte per mandrino CONO MOSE 1, un kit di penne FANCI GOLD, un kit di penne SLIMLINE GOLD, un finiture SHELLAWAX CREME, una colla WELCOME e un disco abrasivo ABRASILK 5000 nella speranza che questo materiale, unito alla mia passione esca un risultato più o meno accettabile. per ora io posseggo dei legni di ulivo, appena farò un pò di pratica, ti chiederò di mandarmi de legni. Grazie ancora per la tua gentilezza e nell’occasione ti auguro un buon 2018.

  2. Pietro Artu😄 16 ottobre 2017 alle 14:24

    Salve ;è superfluo farle i complimenti, la devo ringraziare per tutti i consigli e le informazione che mette a disposizione ,per la prima volta ho costruito una penna twist, con apprezzabili risultati ,volevo chiedere per quanto riguarda la finitura ,l’ordine dei vari prodotti compreso l’attack da mettere sul legno ,perché risulti perfettamente lucida ,infine dove poter reperire quadrelli di legno pregiato .
    Grazie ancora ,con stima
    Pietro.

    • tornituradiguido 16 ottobre 2017 alle 14:38

      La finiture delle penne deve essere resistente al maneggio e al sudore delle mani.
      Lisciare e lucidare il legno con tele e carte smeriglio sino 600/1000 grit
      Poi versare qualche goccia di Attak e spargerlo con scottex,
      ripetere l’ operazione più volte con passaggi di carta vetro molto fine.
      Quando lo stato di Attak è bello liscio e lucido dare solo una passata di cera carnauba.
      L’ attak penetra nei pori e li chiude, la superficie è molto dura e resistente
      e la cera di carnauba non viene assorbita da legno ma è duratura.
      Per i quadrelli di legno chieda per email che le do l’elenco di cosa ho pronto
      per quelli che vengono a imparare a fare le penne da me.

  3. Julien 12 settembre 2017 alle 16:59

    Salve Guido,
    Complimenti per il sito, ottimo punto di riferimento. Ho appena iniziato a fare penne comprando il necessario da trifiletti a Torino. Cercavo ora nuovi tipi di legno oltre l’ulivo, nella pagina delle penne scrive di chiedere direttamente a Lei… ha qualche quadrotto di legno particolare da vendere?
    Grazie
    Julien

  4. Lino 21 maggio 2017 alle 20:23

    Buongiorno Guido e grazie per l’aiuto prezioso.
    Un commerciante mi ha detto che i suoi kit sono cari perché sono in metallo, (da 8 a 16 e più euro) contrariamente a quelli economici su ebay , cinesi, fatti in plastica color metallo e che durano niente.
    Gli do ragione?
    E’ questo il modo di ragionare quando li acquisto? (se sono economici sono scarsi)
    grazie ancora.
    Lino

    • tornituradiguido 21 maggio 2017 alle 21:06

      A me risulta che tutti i kit per penne siano in metallo.
      La qualità può variare dai fabbricanti di Taiwan o dai Cinesi.
      quello che cambia sono le finiture e lo spessore della cromatura o doratura.
      Le differenze di prezzo tra un venditore e l’altro sono spesso molto forti.
      dipende molto dalle quantità vendute e comprate ogni anno.
      I venditori più seri ti dicono anche da dove sono fatte.

  5. Arturo 25 aprile 2017 alle 22:57

    Ciao Guido
    Ho appena acquistato un tornio usato Holzman può andare bene per realizzare penne?

  6. benedetta 2 maggio 2016 alle 17:23

    Buongiorno, vorrei una sua opinione. Ho realizzato alcune penne, modelli slim, europea e stylus col pennino per touch screen, finiture oro e cromo, ed ho usato legni di ulivo, merbau, afrormosia e cabreuva. Secondo lei, quale potrebbe essere il giusto prezzo di vendita? Grazie benedetta.

    • tornituradiguido 2 maggio 2016 alle 18:33

      Il prezzo delle penne dipende dal mercato dove si vendono.
      Nei mercatini rionali bisogna chiedere molto poco, e in genere
      sono ancora care, e chiedono se c’è qualche modello che costa meno.
      Io ho visto venderle anche a 10€ l’ una , che non paga le spese.
      Nei mercati turistici si vendono meglio, anche a 50-80€ l’una
      Ma bisogna avere una grande scelta con molti modelli e tantissimi
      tipi di legno pregiato, quelle più richieste sono le roller e le
      stilografiche fatte con palissandro viola, cocobolo ebano macassar,
      lignum vitae, legno serpente, palissandro rosa, etc
      Io in media le vendo da 25 a 35€ a seconda del modello e del legno.

      • benedetta 3 maggio 2016 alle 16:57

        La ringrazio. Quindi vendendole a 20/25 euro (considerando anche che non sono ancora una professionista) magari anche su internet sarebbe un prezzo onesto…

  7. ivano valseriati 4 gennaio 2016 alle 17:37

    volevo chiederle dove e soprattutto quali resine posso usare per fare penne legno e resina colorata .in attesa di una sua risposta le auguro un buon anno

    • tornituradiguido 4 gennaio 2016 alle 19:01

      Penne disegnate

      Questo non è un idea mia, ma vista su Woodturnig di luglio 2011 pag. 41-44.
      Vi comprate un barattolo di Araldite o altra resina simile e trasparente.
      Sono resine a 2 componenti che induriscono e poi sono lavorabili al tornio.
      Le trovate da Sinopia come cristal e da Colore Amico come epossidica trasparente.

  8. fabio 1 novembre 2015 alle 14:15

    Complimenti signor Guido per il suo lavoro e la ottima guida. Mi sono appassionato alla tornitura delle penne. L’unica cosa é che non so dove acquistare a miglior prezzo in particolare dall’estero per la paura di addizionali spese doganali.
    Saluti, Fabio

    • tornituradiguido 1 novembre 2015 alle 17:00

      Nella pagina penne ci sono 5 link in ITALIA dove si paga l’ IVA al 22% e poco di trasporto.
      NOI-TOOLS, LegnoTornitura, LA TRUCIOLARA, TRIFILETTI, STORES – UTENSILI MANZANESE UDINE
      4 Siti inglesi dove si paga in sterline con l’IVA al 20% , purtroppo il cambio non è favorevole e il trasporto caro.
      Un sito australiano dove il cambio è favorevole , il trasporto può essere gratis, ma si paga l’ IVA al 22% + la dogana e le operazioni di sdoganamento da parte del corriere in contro assegno.
      Altri siti in nord America che oltre al trasporto molto caro si paga l’ IVA e la dogana come dal’ Australia.
      Per poche decine di pezzi conviene prenderle in Italia,
      Per le penne più comuni oltre i 100 pezzi conviene comunque Timberbits
      Per modelli molto particolari e speciali, non si può guardare il prezzo e le spese, ma si compra dove le hanno.

  9. Stefano 24 ottobre 2015 alle 15:10

    Buongiorno Guido,
    Per quanto riguarda i mandrini credo che la scelta obbligata sia quella di optare per quelli Rotur ma non colgo la differenza tra il modello universale e quello deluxe. Inoltre si trovano in vendita mandrini in kit. Verso cosa mi consiglia di orientarmi?
    Grazie

    • tornituradiguido 24 ottobre 2015 alle 16:03

      Io non conosco i mandrini Rotur, mi sembrano cari
      Io ho sempre usato un normale mandrino regolabile da 25€
      Come mai vuoi spendere di più?

      • Stefano 25 ottobre 2015 alle 02:11

        Ho dato un’occhiata ai mandrini Axminster. Ora sono confuso… Il mandrino proposto a €26 è regolabile? O lo è solo il modello deluxe che costa il doppio? E il modello evolution porta effettivamente dei vantaggi? Grazie e complimenti per il sito.

      • tornituradiguido 25 ottobre 2015 alle 07:00

        Ho aggiornato il sito nella pagina penne. sui mandrini penne era poco chiaro
        Il modello delux penso sia confezionato in cassetta e con qualche boccola in più
        ma il mandrino normale regolabile va bene a fare tutto, non spendere di più.

  10. Andrea 9 ottobre 2014 alle 21:07

    Salve e complimenti per il sito ! E’ possibile avere i codici per costruire le penne european ? Dal sito inglese non si capisce molto . Grazie
    Andrea

  11. antonio 8 marzo 2014 alle 17:36

    Salve, quei piccoli torni venduti a cifre abbordabili sono buoni per cominciare ? ad esempio questo
    http://www.ebay.it/itm/like/151131127524?hlpv=2&lpid=111
    Serve altro per attaccare i mandrini ? Grazie

    • tornituradiguido 11 marzo 2014 alle 04:52

      Quel tipo di torni servono a poco, non riesci a fare niente.
      non trovi nessun mandrino , neanche per fare penne.
      Evita di buttare via i soldi.
      Devi cercarlo più piccolo con il bancale in ghisa
      e possibilmente con regolatore di velocità

  12. roberto 18 febbraio 2014 alle 22:49

    salve. ho un tornio x metalli hobbistico e vorrei cimentarmi a fare qualche lavoretto in legno. come posso utilizzarlo e che attrezzi devo usare o procurarmi x …convertirlo…? grazie x le indicazioni

    • tornituradiguido 19 febbraio 2014 alle 22:13

      Prima devi decidere cosa fare, poi vedere se il mandrino si toglie.
      Se sul’ asse c’è il cono morse e che filetto ha il mandrino.
      Poi togli la torretta e ti fai un poggia utensile per legno.
      Mandi la foto del tornio con le caratteristiche
      Velocità, minima e massima, distanza tra le punte, diametro massimo,
      Poi andiamo avanti.

      • roberto 22 febbraio 2014 alle 18:29

        il tornio Edison, ha un motore da 600w , giri da 100 a 2500 variaz. elettronica, diametro sul banco max 18 cm e sull’asse di 35 cm. cono del mandrino MT3 e contropunta MT2.
        vorrei iniziare con qualcosa di non troppo impegnativo e pensavo alle penne ma ho visto qui parecchie cosette molto stimolanti…
        grazie ancora dell’attenzione
        roberto

      • tornituradiguido 22 febbraio 2014 alle 18:56

        Il tornio può andare bene, 2500 sono sufficienti per le penne.
        Il cono MT3 è grande e per usare un mandrino per penne serve
        un riduttore da MT3 a MT2, non esistono mandrini MT3.
        Oppure ti fai il mandino per penne, con il tuo tornio.
        Devi trovare una barra da 6,35 mm e filettare in punta da 6MA
        Poi ti fai le boccole e la rondella zigrinate alla fine.
        Ma misura il filetto dove si avvita il mandrino
        Se il filetto è una misura standard es M33 trovi il mandrino da legno.
        Il mandrino da ferro ho pochissima tenuta sul legno e lo rovina.
        Per fare cose stomolanti serve legno bello e mandrino adatto.
        Poi ti serviranno delle sgorbie e un Jig per affilarle.
        Ciau

  13. luigi 10 dicembre 2013 alle 13:03

    buon giorno sig. guido
    Mi hanno regalato Pen Wizard per natale. Vorrei sapere che materiale utilizzare per realizzare quegli inserti colorati e dove reperirlo.
    Non ho parole sufficienti ed eloquenti adatte a descrivere l’utilità e la completezza del suo sito.
    Saluti Luigi Olivieri.

    • tornituradiguido 10 dicembre 2013 alle 13:21

      Gli inserti sono semplici piallacci colorati spessi da 0,5 a 1 mm
      Si possono inserire tra 2 pezzi di legno per fare la panna con bandiera
      Vedi Penne laminate a inizio pagina
      O si trovano anche già pronti su siti specializzati in legno per penne.
      Io in genere me li faccio per me e miei amici.

  14. stoffel1965 16 novembre 2013 alle 08:46

    guido sto cercando un tornio da banco usato ,puoi aiutarmi? ti ringrazio

    • tornituradiguido 18 novembre 2013 alle 08:17

      Quasi tutte le settimane ricevo richieste di qualcuno che cerca un tornio usato.
      Purtroppo si trovano facilmente solo torni molto scadenti e/o molto vecchi.
      Io non vendo torni ne nuovi ne usati.
      Guido

  15. midsummer 16 luglio 2013 alle 06:35

    Excellent write-up. I definitely appreciate this website.
    Continue the good work!

  16. Pierpaolo 6 giugno 2013 alle 19:02

    Ciao Guido,
    per smontare penne e portachiavi serve l’apposito accrocchio o si può autocostruire qualcosa?
    Pierpaolo

    • tornituradiguido 6 giugno 2013 alle 20:52

      Un attrezzo per smontare le penne lo trovi da Timberbis a meno di 10 €
      Pen Disassembly Tool 1 Code: B018 AUD $8.50 
      a cosa serve smontare le penne? Basta un po’ di attenzione per montarle bene.

      • Pierpaolo 7 giugno 2013 alle 16:07

        Grazie per la segnalazione… voglio smontare una penna per rifargli il vestito nuovo, e un portachiavi perché si è spaccato il legno di corniolo 😦

  17. dinu curic 30 marzo 2013 alle 13:33

    Grazie Guido

  18. dinu curic 29 marzo 2013 alle 15:23

    Salve Guido complimenti .dove si posono trovare il kit dele penne grazie Dinu

    • tornituradiguido 29 marzo 2013 alle 17:58

      In uno qualsiasi dei link segnalati nella pagina
      Negozi di KIT PENNE dove potete comprare gli inserti metallici cromati o dorati.

      LA TRUCIOLARA – ITALIA VERONA
      NOI-TOOLS – ITALIA CUMIANA TO
      STORES – ITALIA UDINE
      UTENSILI MANZANESE – ITALIA
      FUN e TURNZ – INGLESE su Ebay Dove le compro io a buon prezzo
      WOODTURNINGZ – STATI UNITI Costano cari spese e trasporto.
      Turner’s Retreat – INGLESE
      AXMINSTER – INGLESE
      PENNSTATEIND – STATI UNITI Costano cari spese e trasporto.
      THE TURNERS – AUSTRALIA
      TIMBERBITS – AUSTRALIA Ottimo fornitore con bei modelli
      Guido

  19. Pingback:New from Italy - International Association of Penturners

  20. silvia 28 ottobre 2012 alle 21:01

    Grazie per tutte le esaurienti informazioni e le bellissime foto. Come vede dalla mia galleria Flickr io lavoro le polymer clay e vorrei tentare di fare delle penne con questo materiale. Le sue informazioni mi sono state preziose.
    Silvia

Rispondi a antonio Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: